Istarska županija: Tavola rotonda sul tema della posizione delle donne nello sport
09.04.13. u 14:48

Tavola rotonda sul tema della posizione delle donne nello sport

Conformemente al piano operativo per il 2013, a nome della Commissione per la parità di genere della Regione Istriana, Jadranka Černjul e Branka Žužić hanno organizzato una tavola rotonda sul tema: “La posizione dello sport femminile rispetto a quello maschile e la partecipazione delle donne al lavoro degli organi amministrativi dei club sportivi.“ La tavola rotonda ha avuto luogo il 4 aprile 2013 al Palazzetto dello sport „Mate Parlov“ con inizio alle ore 11,00.

L'obiettivo dell'incontro era di affermare in maggior misura lo sport femminile e promuovere un rapporto più equilibrato fra lo sport femminile e quello maschile (in materia di finanze, sponsorizzazioni, mass media), in particolare nelle posizioni dirigenziali nei club sportivi, sia in Croazia che nella nostra regione.

Secondo le raccomandazioni del Comitato olimpico croato almeno il 40% delle donne dovrebbe partecipare ai lavori degli organi amministrativi dei club sportivi; nella Regione Istriana questa percentuale è appena del 5% , e questo è un dato preoccupante: di 1000 allenatori nella Regione Istriana, soltanto il 15% sono allenatrici mentre parlando di arbitri e controllori, degli 800 presenti, le donne sono soltanto dal 6 all'8%. Nell'Assemblea della Federazione sportiva della Regione Istriana, di 41 membri solo 2 sono donne, mentre nel Comitato esecutivo, di 9 membri complessivi una è donna. In Istria operano all'incirca 2500 operatori sportivi, il 10% dei quali è rappresentato da donne.

Al dibattito interessante e polemico hanno partecipato Patricia Smoljan, assessore all'Assessorato all'istruzione, lo sport e la cultura tecnica, Dario Koraca, segretario della Federazione sportiva della Regione Istriana, Desa Vrbanac, membro della Commissione per le donne nello sport del Comitato olimpico croato, Jelena Vuković, atleta paraolimpica  di successo, Christina Quarantotto, allenatrice del club di ginnastica ritmica di Rovigno e ricercatrice, Slavica Bonić, allenatrice del club maschile di pallamano Arena- Jadrograd, Sena Devović, direttrice esecutiva responsabile del Club di calcio Istra 1961, Zohil Enzo, allenatore del club di calcio femminile Istra-Žminj, Robert Matteoni, rinomato giornalista sportivo e commentatore, Ružica Močibob, allenatrice del miglior club di bowling di Parenzo, Marina Gržinić Burić, presidente della Federazione di nuoto della RI e membro della Federazione sportiva della Regione Istriana.

Le conclusioni chiave della tavola rotonda sono che le direzioni dei club sportivi e delle federazioni sportive devono iniziare a delegare e ad accogliere un numero molto maggiore di donne negli organi direttivi, che le donne che si occupano di sport, allenatrici, arbitri devono organizzarsi meglio e adoperarsi di più per superare gli ostacoli riguardanti il coinvolgimento e la gestione del sistema sportivo, i mass media dovrebbero seguire di più e affermare lo sport femminile e i risultati ottenuti dalle sportive e richiedere mezzi ulteriori dal bilancio statale e dal Comitato olimpico croato, destinati esclusivamente allo sviluppo dello sport femminile.