28.11.16. u 14:45

Si è tenuta la conferenza „Lo sviluppo del pubblico – una nuova sfida per le organizzazioni nella cultura“

Un centinaio di operatori culturali di tutta l'Istria si sono radunati venerdì 25 novembre 2016 al Centro artistico-culturale Lamparna ad Albona, alla conferenza „Lo sviluppo del pubblico – una nuova sfida per le organizzazioni nella cultura“, tenutasi nell'ambito del IV Convegno di cultura in Istria, organizzato dall'Assessorato cultura della Regione Istriana e dall'Agenzia culturale istriana - IKA.

L'Assessore alla cultura Vladimir Torbica ha aperto il convegno, sottolineando che l'obiettivo è lo scambio di esperienze, nozioni, idee, nonché il collegamento delle istituzioni culturali e della produzione culturale extra istituzionale della Regione Istriana. Ciò è conforme alla Strategia culturale istriana 2014-2020.

„Lo scontento manifestato dagli operatori culturali per la riforma fiscale annunciata e l'inefficacia nell'attuazione del Regolamento sui criteri, le misure e i procedimenti per il finanziamento e la contrattazione di programmi e progetti d'interesse per il bene comune svolti dalle associazioni, ha fatto sì che fosse inviata una lettera da parte dei partecipanti del Convegno al Ministro per la cultura nella quale si richiede l'impegno a rinunciare dalle riforme fiscali annunciate a favore degli artisti e di tutti i lavoratori autonomi nella cultura, ha concluso l'Assessore Torbica.

Il Vicesindaco di Albona Zoran Rajković ha salutato i partecipanti, i giornalisti e gli invitati a nome dei padroni di casa e ha espresso la sua soddisfazione per la loro presenza e per l'importanza del tema che la Città di Albona tratta quotidianamente nella messa in opera della Strategia della Città, ponendo l'accento sull'importanza del pubblico al momento della presentazione delle domande ai concorsi per il cofinanziamento dei progetti e dei programmi.

La direttrice dell'Agenzia culturale istriana Aleksandra Vinkerlić ha sottolineato che l'idea principale della conferenza è lo sviluppo e l'attenzione per il pubblico, e non necessariamente un suo incremento.

„Uno dei modi è anche la formazione, quindi il coinvolgimento dei cittadini nelle stesse attività che renderanno accessibile la cultura a tutti. Il pubblico va attirato in altri modi interessanti: creando nuovi contenuti che attireranno e amplieranno la cerchia di partecipanti agli eventi culturali“, ha sottolineato la direttrice dell'IKA.

L'autrice del programma UNICULT 2020 Daniela Urem di Fiume, ha basato la sua presentazione sulle definizioni introduttive del concetto di sviluppo del pubblico come strumento della politica culturale, condizionato da aspetti culturali, educativi e sociologici.

„Il pubblico è aperto a ricevere e assimilare nuove nozioni, è disponibile a partecipare a progetti e manifestazioni. È stato provato che spesso le rappresentazioni culturali influiscono sul comportamento del pubblico e sulle loro opinioni“, ha sottolineato la Urem.

Dušica Parezanović ha presentato ai partecipanti i modi e le esperienze nel lavoro con il pubblico del famoso club letterario – BOOKSA, sottolineando l'obiettivo – creare un pubblico ingaggiato che ideerà e parteciperà agli eventi in un contesto informale, come pure l'importanza del portale “booksa.hr” che, oltre a un pubblico altamente professionale, ha l'obiettivo di attirare anche un pubblico più ampio di lettori che si occupano di critica letteraria.

„È importante rivolgersi al pubblico con un linguaggio semplice e comprensibile, tenendo conto di non sottovalutarlo, e con tutti i canali disponibili, affinché chiunque, anche quelli senza alcuna esperienza creativa, possano essere coinvolti“, ha detto la Parezanović.

La slovena Nevenka Koprivšek ha condiviso con i partecipanti alla conferenza, alcune esperienze innovative dal Festival Mladi levi, parlando di collaborazione e modi di presentarsi ai cittadini, agli abitanti e sull'attività del club e del festival.

L'artista concettuale e multimediale Dragana Sapanjoš di Cittanova ha parlato del rapporto fra il pubblico e l'arte contemporanea e dell'illogicità nella comunicazione, della messa in rete e del sostegno dei colleghi artisti.

Il coordinatore della stesura della Strategia culturale istriana 2014-2020 Davor Mišković, ha parlato dello sviluppo del pubblico in Istria, soffermandosi sull'importanza del ruolo da essa ricoperto e menzionato nella Strategia.

Dopo il discorso introduttivo, dodici rappresentanti di organizzazioni istriane hanno parlato dei metodi e delle abilità comunicative nonché delle attività educative con le quali attraggono e sviluppano il loro pubblico: Kristina Nefat e Vjeran Juhas: Galleria e Sala di lettura STRIP della Società croata degli artisti interdisciplinari, Pola. Marko Vojnić ha poi parlato delle conferenze sul tema „Think again“ che si tengono nel Centro diurno dell'Unione delle associazioni della Karlo Rojc.

I programmi del FUŠ – Film a scuola e Film sul telo, dell'Ente pubblico Pula Film Festival sono stati presentati da Tanja Miličić. Irena Boljunčić Gracin dell'associazione „Čarobnjakov šešir“ ha presentato il rinomato e molto frequentato FUČ – Festival dei maghi di strada.

Breda Bizjak ha presentato il pubblico del progetto „Otvoreni grad“ nel quale i cittadini partecipano a creare delle idee per i vani abbandonati. Le rappresentanti della Biblioteca civica di Parenzo hanno svolto una performance interessante sul progetto DAM – DAŠ, volontari in azione. Giulia Codacci-Terlević del Museo archeologico dell'Istria ha parlato di pedagogia musicale nella collaborazione con il pubblico.

Maksin Pužar ha presentato l'implementazione dei nuovi media nel trasporto del patrimonio storico e marittimo attraverso il progetto iPadecomuseum dell'ECO museo Battana di Rovigno.

Lori Luketa Dagostin ha presentato i laboratori cinematografici pop-up per bambini e giovani organizzati dall'associazione PUT di Albona. L'Incubatrice creativa era il tema della presentazione dell'impresa SONDA di Visinada, di cui hanno parlato Jelena Fiškuš e Sean Poropat. Aleksandar Poropat ha presentato il Festival internazionale del film documentario dell'Università popolare aperta di Parenzo e ha parlato del ruolo del pubblico e del suo fedele sostegno.

Il progetto Media Mediterranea, che quest'anno si propone di far conoscere ai bambini e ai giovani le nuove prassi artistiche e del design, è stato presentato da Marino Jurcan e Marko Kalčić dell'associazione Metamedij. Quale esempio di questa pressi hanno presentato l'installazione "Prije/Poslije" – un'installazione video costituita da animazioni di 15 GIF i cui autori hanno vinto il concorso per le animazioni GIF d'autore tenutosi nell'ambito del Media Mediterranea. Con ciò è terminato il Convegno di cultura di quest'anno.