26.09.16. u 15:29

Celebrata solennemente la Giornata della Regione Istriana

Con la seduta solenne dell'Assemblea della Regione Istriana e dell'Unione delle associazioni antifasciste della Regione Istriana, è stata celebrata venerdì scorso, alla Casa delle rimembranze di Pisino, la Giornata della Regione Istriana e il 73o anniversario di emanazione delle Decisioni di Pisino. Alla seduta era presente un gran numero di invitati appartenenti alla vita politica, pubblica, economica e culturale dell'Istria e delle Regione Litoraneo-montana, di Sebenico e Knin e della Lika e Segna, come pure gli ospiti della Slovenia.

La Giornata della Regione Istriana si celebra come ricordo della Dieta dei rappresentanti del popolo istriano e del Comitato provinciale di liberazione per l'Istria che hanno confermato a Pisino il 25 e 26 settembre 1943 le decisioni sull'unione dell'Istria alla madre patria Croazia.

La solennità è stata preceduta dalla posa delle corone di fiori in ricordo delle vittime del terrore fascista e della Lotta popolare di liberazione nel Parco dell'Insurrezione popolare e l'apertura della mostra “Palež u sjećanjima” che espone le fotografie dei villaggi incendiati nell'entroterra di Trieste, nella parte slovena e croata dell'Istria, sul territorio della Liburnia e nell'entroterra occidentale di Fiume.

All'apertura dell'Assemblea il Presidente Valter Drandić ha detto che l'Istria è stata da sempre diversa. 

“L'Istria ha riconosciuto il pericolo del fascismo ed è stata fra le prime a mettersi dalla parte della giustizia – dell'antifascismo. Oggi siamo parte di un'Europa di cui abbiamo bisogno più che mai. Il terrorismo, quale nuovo male, è una minaccia per tutti. La gente in Istria è diversa e vive diversamente – lavorano e vivono con un forte senso di umanità. Tutti quelli che non lo capiscono, non amano né l'Istria, né la Croazia“ ha concluso Drandić.

Il Presidente della Regione Istriana Valter Flego ha ricordato l'importanza delle Decisioni di Pisino del 1943 „che hanno determinato il futuro dell'Istria e della Croazia“.

„Sin dall'Inizio l'Istria ha dimostrato chiaramente di volere democrazia, antifascismo, rispetto dei diritti umani e minoritari, convivenza, plurilinguismo, multietnicità e multiculturalità. Per oltre sette decenni trasmettiamo questi valori di generazione in generazione, li coltiviamo e ne andiamo immensamente fieri“, ha detto il Presidente Flego continuando:

„Nel ricordare l'LPL e il suo significato, è necessario ricordare di nuovo la grande responsabilità dinanzi a noi, ma anche l'obbligo morale di continuare il percorso dello sviluppo, della pace e della tolleranza. L'Istria dimostra di giorno in giorno di seguire coerentemente questo percorso ed è questo il motivo per cui oggi è la regione più sviluppata e con più prospettive di tutta la Croazia“.

Ai presenti si sono rivolti ancora l'inviato della Presidente della Repubblica di Croazia e MInistro del turismo Anton Kliman, il deputato al Parlamento europeo Ivan Jakovčić, il Presidente dell'Unione delle associazioni antifasciste della Croazia Tomislav Ravnić e il Presidente della Regione Litoraneo-montana Zlatko Komadina.