06.09.16. u 13:26

Il Presidente Valter Flego ha messo in funzione sperimentale la prima piccola centrale elettrica collegata al sistema idrico in Croazia

Il Presidente della Regione Istriana Valter Flego ha dato il via all'accensione sperimentale della piccola centrale idroelettrica (mHE) su un sistema idrico, costruita in Croazia, la “Velika Šuma”, vicino a Umago. Oltre al presidente Flego erano presenti i rappresentanti dell'investitore l'Istarski vodovod Buzet d.o.o. e dell?Agenzia regionale istriana per l'energia - IRENA.

Il Presidente Flego ha sottolineato che sotto quest’aspetto l'Istria è ancora una volta la migliore della Croazia, e costituisce un esempio di buona prassi per gli altri.

„La piccola centrale idroelettrica, „Velika Šuma“ è la prima di questo genere in Croazia. La cura perenne, la tutela ambientale e lo sviluppo sostenibile sono in cima all'elenco delle nostre priorità e questo progetto lo dimostra“, sostiene il Presidente Flego continuando:

„Con la costruzione della piccola centrale idroelettrica compiamo un ulteriore passo in avanti nella tutela dell'ambiente e nell'uso delle fonti rinnovabili d'energia nella Regione Istriana. Il vantaggio delle piccole centrali idroelettriche è visibile innanzitutto nella considerevole diminuzione dell'inquinamento ambientale, poiché si riduce l'emissione di CO2 e dei gas serra“.

Il Presidente Flego ha concluso che con questo progetto la Regione Istriana si avvicina al suo obiettivo posto a lungo termine: diventare fino al 2030 una regione a CO2 neutro.

Il Direttore dell'Acquedotto istriano di Buzet s.r.l. Mladen Nežić ha dichiarato che il lavoro di prova dovrebbe durare circa un mese, dopo di che la piccola centrale idroelettrica inizierà a svolgere la sua funzione reale, trasformando l'energia dell'acqua in energia elettrica. Altre analisi, ha aggiunto Nežić, hanno dimostrato che l'Acquedotto istriano Buzet s.r.l. grazie alla centrale idroelettrica venderà annualmente energia elettrica per un importo di 350 mila kune. Per questo motivo, il rientro dell'investimento è previsto in meno di tre anni.

Il direttore dell'IRENA Valter Poropat ha sottolineato che i progetti di costruzione della piccola centrale idroelettrica fanno parte del Programma di gestione sistematica dell'energia nella Regione Istriana, promosso sin dall'inizio dall'Agenzia regionale per l'energia IRENA.

Il valore dell'investimento è 2.296.243,00 kune, di cui le spese giustificate al Fondo per la protezione ambientale e l'efficacia energetica ammontano a 2.083.782,00 kune. Il Fondo finanzia il 60% delle spese giustificate, per un totale di 1.250.269,00 kune. Il progetto è stato ideato dall'El Roy s.r.l. Pola, e l'esecutore dei lavori è l'impresa KONČAR - Elektronika i informatika d.d. Zagreb.

La piccola centrale idroelettrica „Velika Šuma“ è situata in una struttura nuova, unita con l'omonima cisterna d'acqua e appartiene al sistema d'approvigionamento idrico di Gradole che rifornisce d'acqua l'intera costa occidentale dell'Istria.