19.04.16. u 15:04

Gli esponenti della cultura istriana alle Giornate dell'Istria in Voivodina

Dal 14 al 17 aprile si sono tenute a Novi Sad le ormai tradizionali Giornate dell'Istria in Voivodina il cui obiettivo è di creare uno scambio di operatori culturali, artisti, progetti e idee fra le due regioni che condividono i valori di un ambiente multietnico, multilinguistico e multiculturale.

La manifestazione dal titolo Le giornate dell'Istria in Voivodina / Le giornate della Voivodina in Istria dura ininterrottamente dal 2001 e si tiene alternativamente un anno i Istria e un anno in Voivodina. Per la parte istriana, l'organizzatore è l'IKA - Istarska kulturna agencija – Agenzia culturale Istriana, mentre in Voivodina la manifestazione viene organizzata dall'Ente per la cultura della Voivodina.

L'edizione di quest'anno delle Giornate dell'Istria è iniziata giovedì 14 aprile 2016 con una presentazione audiovisiva del progetto „105th day of the year“ per opera dei fratelli Sinkauz, nella stracolma sala dello Studio M di Novi Sad. All'esplosione audiovisiva dei Fratelli Sinkauz hanno assistito circa 200 persone.

Con il progetto „Day of the Year“, i compositori/musicisti Alen e Nenad Sinkauz, l'artista multimediale Ivan Marušić Klifa e il tecnico del suono Miroslav Piškulić esplorano e presentano il processo di una creazione istantanea della composizione audiovisiva. In ogni esibizione la denominazione della performance muta secondo il numero ordinale del giorno dell'anno e con ciò sottolineano l'unicità della loro composizione

Venerdì, 15 aprile 2016, nei vani dell'Ente per la cultura della Voivodina è stata aperta ufficialmente la manifestazione „Le giornate dell'Istria in Voivodina“. A nome della Regione Istriana l'evento è stato inaugurato da Aleksandra Vinkerlić, direttrice dell'IKA - Istarska kulturna agencija – Agenzia culturale Istriana, mentre a nome della Segreteria provinciale per la cultura e l'informazione pubblica, il sottosegretario e scrittore Radoslav Vava Petković ha salutato i presenti.

È seguita la presentazione della Fiera del libro in Istria con uno sguardo sullo sviluppo e valori che questa rappresenta.

Nella presentazione spiritosa, la Fiera è stata presentata dalla direttrice Magdalena Vodopija, accompagnata da Nenad Marjanović - Dr. Fric e dal noto letterato e pubblicista Milan Rakovac.

La Fiera del libro ha una tradizione lunga vent'anni ed è diventata una manifestazione culturale inevitabile croata e internazionale, a un alto livello europeo, con un modello autentico di presentazione dei libri e degli autori. È stato anticipato anche il Monte Librić, un festival unico nel suo genere di letteratura per l'infanzia che si terrà a Pola dal 19 al 24 aprile 2016.

La stessa sera si è tenuta la tribuna „Život s idijotima“ (la vita con gli idioti) nello straripante Radio Cafe, tenuta dai due membri del complesso di culto KUD IDIJOTI, Nenad Marjanović - Dr. Fric e Diego Bosusco - Ptica, assieme a Dorijan Vrkljan, promotore e produttore. Parlando con Petar Janjatović e Vladimir Stakić, noti giornalisti serbi e amici della band, si è parlato del fenomeno del rock istriano degli anni Novanta e della resistenza che l'Istria ha offerto al nazionalismo, all'odio e all'esclusione.

Sabato 16 aprile 2016 la manifestazione „Le giornate dell'Istria in Voivodina“ è stata coronata dall'interpretazione multimediale di Dragana Sapanjoš, una delle nostre migliori artiste multimediali contemporanee. Con la sua interpretazione „La cena dei cretini“ Dragana si è presentata al pubblico di Novi Sad con una retrospettiva del suo lavoro. Vincitrice di numerosi premi, quest'artista multimediale con laurea della Brera di Milano, si occupa di un'arte che, come lei stessa dice, è difficile; è un'arte che disturba, che ti costringe a metterti in gioco, quella che porti a casa e di cui parli anche durante la cena, perché non puoi farne a meno.

L'insolita installazione artistica non ha lasciato indifferente nessuno; il concetto dell'esecuzione, senza la solita apertura con un discorso introduttivo e presentazione dell'artista, ha lasciato molti di stucco.

Con la retrospettiva si sono concluse le XV Giornate dell'Istria in Voivodina, la cui intensità nello scambio artistico, dall'inizio della collaborazione delle due regioni, cresce significativamente di anno in anno.

Non meno importante è anche il ruolo dei rappresentanti delle organizzazioni della società civile in Istria che, assieme agli artisti summenzionati, erano presenti alla manifestazione. L'obiettivo della loro presenza era di instaurare una collaborazione e la creazione di una rete sui progetti comuni con le organizzazioni culturali affini di Novi Sad.

Quali rappresentanti delle organizzazioni culturali della Regione Istriana, erano presenti: Tamara Nikolić-Đerić (associazione Faro 11), Marko Krnjajić (associazione Buka/Noise), Boris Vincek (Kulturistra), Kristina Nefat (Associazione croata di artisti interdisciplinari) e Barbara Zovko (associazione Čarobnjakov šešir).

Il programma „Le giornate dell'Istria in Voivodina“ è stato finanziato dai programma dei fabbisogni pubblici nella cultura della Regione Istriana.