09.11.15. u 13:04

Si è tenuta la prima Giornata della creatività

L'Assessorato alla cultura della Regione Istriana in collaborazione con l'Agenzia culturale istriana ha organizzato venerdì 6 novembre a Rovigno, la prima Giornata della creatività. Gli organizzatori si propongono con quest’evento di creare scambio di esperienze, nozioni, idee e legami fra le istituzioni culturali e la produzione culturale extraistituzionale attraverso un'interazione fra i responsabili dei progetti e dei programmi culturali nella Regione Istriana.

Poiché uno degli obiettivi principali della Strategia culturale istriana e dell'Agenzia culturale istriana è il rafforzamento del settore culturale attraverso una cooperazione intersettoriale, la messa in rete con le altre organizzazioni ed enti nella cultura, le organizzazioni della società civile e molte altre organizzazioni al fine di sviluppare nuove idee progettuali, la Giornata della creatività è stata ideata come luogo d'incontro e sostegno, collaborazione, pianificazione e sviluppo del settore culturale in Istria – queste le parole della direttrice dell'Agenzia Aleksandra Vinkerlić.

Nella parte introduttiva della Giornata della creatività e al momento della sua apertura, il Sindaco di Rovigno Giovanni Sponza ha salutato gli operatori culturali e i vari collaboratori presenti, sottolineando l'importanza della cultura in un contesto più ampio, in particolare nello spianare la strada alla cooperazione internazionale.

Ai presenti si è rivolto anche l'Assessore alla cultura della Regione Istriana Vladimir Torbica che ha ringraziato tutti di aver risposto all'invito di presenziare alla Giornata della cultura. I discorsi di saluto sono terminati con il Presidente della Regione Istriana Valter Flego che ha proclamato l'apertura della manifestazione, dopo di che ci sono state le presentazioni dei migliori progetti culturali sul territorio della Regione Istriana.

La prima presentazione è andata allo staff progettuale per la candidatura di Pola e dell'Istria a capitale europea della cultura nel 2020, e i risultati della città vincitrice che, assieme a una città dell'Irlanda sarà la capitale in quest'anno, saranno noti il 29 marzo 2016. Ci sono state quindi le presentazioni dei seguenti progetti: Il rinnovo della cultura istriana e lo sviluppo sostenibile (la ristrutturazione del Castello di Pola, le varie località archeologiche e la loro presentazione, la pittura muraria e il suo restauro, la manutenzione e la presentazione, e altro) presentata dalla Soprintendenza ai beni culturali di Pola. È seguita la presentazione dello Spazio galleristico e museale Sacri cuori – luogo d'incontro e collaborazione del Museo archeologico dell'Istria, del Kulturring, del Festival cinematografico di Pola, della Fiera del libro in Istria, del Festival Visualia e della Casa degli scrittori “Hiža od besid. Così è terminata la prima parte degli interventi.

La seconda parte ha dato una breve rassegna dei seguenti progetti: l'Istarska filmska komisija - Istria film commission, l'IKA-Istarska kulturna agencija-Agenzia culturale Istriana, 7 dana stvaranja (7 giorni di creazione), Associazione „Veliki Mali Čovjek“, Pisino Shpeena dox, l'Università popolare aperta di Albona, il BLITZ festival, l'Associazione culturale PLIME, Rovigno, il Parkfest, l'Udruga za stare i mlade Dajla-Novigrad, l'Ente per il turismo di Novigrad-Cittanova,  Novigrad, il FUČ (Festival dei maghi di strada), l'Associazione Čarobnjakov šešir, Cittanova, Albona, Pola, il Progetto Medionauti, la Pulsk filmska tvornica, Pola, la Trilogija Božanstvena komedija, l'Associazione “Teatar Rubikon -TOFA“, Pola, l'Industrial Art Biennial, il Labin Art express, l'AlbonaLabin, il Pop-up coworking Rovigno, l'associazione FARO 11, Rovigno, il “Project room” u prostoru između – fleksibilna organizacija kao mjesto umjetničkog i kustoskog istraživanja, l'Organizzazione artistica Apoteka, Dignano, l'INDIREKT FESTIVAL - festival della musica e dell'arte indipendenti, l'Associazione artistico-culturale "Manufaktura snova", Umago, l'ETNOFILm festival, del Museo etnografico dell'Istria e il progetto INvisible cities, dell'Associazione Metamedij di Pola.

Alla Giornata della creatività sono stati presentati solo alcuni dei numerosi progetti e programmi d’istituti e organizzazioni che si occupano di cultura nella Regione Istriana. Considerato però che si tratta del primo incontro di questo genere, nelle prossime edizioni si pianifica presentare un numero ancora maggiore di programmi di successo nella cultura, presenti sul territorio della Regione Istriana. Alla chiusura dell'evento l'Assessore alla cultura Vladimir Torbica ha detto che si sta esaminando la possibilità di prolungare la durata di questa manifestazione da uno a due giorni.