06.07.15. u 15:18

Nell'Istituto per l'agricoltura e il turismo di Parenzo si è tenuta la seduta del Consiglio per l'economia della Regione Istriana

Nell'Istituto per l'agricoltura e il turismo a Parenzo, la settimana scorsa si è tenuta la seduta del Consiglio per l'economia della Regione Istriana presieduta da Jasna Jaklin Majetić,Presidente del Consiglio e della Camera di commercio croata a Pola. La seduta è stata anche un'occasione per avvicinare ai membri del Consiglio il lavoro di questa istituzione, ma anche informarli sui piani futuri.

Ai membri del Consiglio è stato presentato anche il Programma di credito per gli imprenditori „PBZ – Imprenditore Regione Istriana 2015“. Come ha sottolineato la f.f. Assessore per l'economia della Regione Istriana Lorena Brgić, si tratta di un programma di credito adeguato alle necessità degli imprenditori.

„Gli imprenditori hanno a disposizione 15 milioni di kune del potenziale di credito, e l'interesse attuale è del 2,94%. C'è grande interesse per questa linea di credito e siamo convinti che i mezzi saranno usati al più presto e usati per aumentare la crescita dell'economia istriana“, ha concluso l'Assessore Brgić.

L'Assessore alla cooperazione internazionale e agli affari europei Patrizia Bosich ha presentato ai membri del Consiglio le possibilità di attingere/usare l'ESI e altri fondi dell'UE in Istria, mentre la Presidente del Consiglio Jaklin-Majetić ha sottolineato la necessità di trovare la soluzione per indicare agli imprenditori le possibilità concrete di finanziamento dai fondi dell'UE.

La conclusione del Consiglio è stata di stabilire un coordinamento reciproco tra le istituzioni, la Regione Istriana e i soggetti intenzionati a candidare i programmi, per ottenere una sinergia nella loro preparazione e più efficacia nella  loro implementazione.

Il direttore dell'Istituto Dean Ban ha presentato un insieme di programmi e attività che lo stesso svolge nell'interesse dello sviluppo economico dell'Istria. Allo stesso tempo ha sottolineato la tendenza che a livello dello Stato gli istituti collaborino con le università.

„ L'Istituto ha il desiderio e la necessità di rimanere indipendente e autosufficiente perché è riconosciuto come un sostegno all'economia istriana. È necessario che continui ad agire indipendentemente al fine di promuovere e unire l'agricoltura e il turismo e sviluppare la scienza. Un’eventuale unione comporterebbe la perdita del ruolo che l’istituto ha nello sviluppo dell'economia istriana, complicando notevolmente a causa della burocrazia le procedure per offrire servizi nel mercato“, ha concluso il direttore dell'Istituto per l'agricoltura e il turismo di Parenzo.

I membri del Consiglio per l'economia della Regione Istriana hanno espresso il sostegno all'Istituto per la sua importanza nell'economia dell'Istria, augurandosi che questo diventi in futuro un attore ancora più importante delle direzioni di sviluppo, partner e responsabile dei progetti dell'UE che appoggeranno fortemente il settore privato della Regione Istriana.