03.04.17. u 11:46

Aperti i lavori di continuazione del raddoppio delle corsie sulla tangenziale polese

Il Presidente della Regione Istriana Valter Flego e il Sindaco di Pola Boris Miletić hanno aperto ufficialmente stamattina i lavori per raddoppiare la strada delle Brigate d'oltremare in una viabile a quattro corsie fino all'incrocio con la Medulinska cesta.

„Negli ultimi anni è stato investito molto nell'infrastruttura, e questa è la continuazione di un investimento sistematico quale presupposto per lo sviluppo di Pola. Basti ricordare solo la metanizzazione della città, conclusa con successo, la costruzione del sistema delle tubature dell'acquedotto polese, oppure la costruzione della rete fognaria. Oggi assistiamo alla continuazione dell'espansione della tangenziale polese che garantirà meno ingorghi e più sicurezza nel traffico“, ha sottolineato il Presidente Flego. 

„Soltanto un paio d'anni fa, l'entrata a Pola non era sistemata, non era sicura, mancava l'illuminazione pubblica, mentre oggi è diventata moderna ed efficace, adatta a una città mediterranea che vive anche di turismo, come lo è Pola. È migliorata la sicurezza del traffico, nonché la sua scorrevolezza. Con la costruzione di questo tratto stradale completeremo la strada dalla rotonda di Siana, alla rotonda all'incrocio con la Medulinska cesta“, ha detto il Sindaco Miletić.

Il direttore dell'impresa che esegue i lavori Cesta d.o.o. Miro Mirković ha espresso l'augurio che le condizioni meteorologiche siano adatte affinché i lavori si possano concludere entro il termine previsto. 

Nell'ambito dei lavori si costruiranno due corsie della lunghezza di 1,2 chilometri, dalla rotatoria in via Medulinska cesta fino all'ex svincolo per Valmade, sarà rinnovato l'incrocio fra la Šišanska e la Medulinska cesta che diventerà una rotonda con aree verdi e si ricostruiranno in parte le viabili che si allacciano a questi incroci, per una lunghezza totale dell'intervento di circa 2,2 chilometri. È prevista anche la costruzione di piste pedonali e ciclistiche, fasce verdi, lo smaltimento delle acque meteoriche, l'irrigazione e l'illuminazione pubblica. Il valore dell'investimento ammonta a 20 milioni di kune.