02.06.14. u 15:44

Imprenditori veneti interessati a collaborare con l’Istria

Il Presidente della Regione Istriana Valter Flego assieme al responsabile dell'Amministrazione della Regione Istriana Valerio Drandić e al direttore dell'Agenzia istriana per lo sviluppo Boris Sabatti (IDA), ha incontrato oggi nella sede della Regione Istriana a Pisino, gli imprenditori della Regione Veneto. All'incontro erano presenti: il Presidente della Commissione Lavoro e Attività produttive del Consiglio della Regione Veneto Luca Baggio, il segretario generale di Unioncamere del Veneto Gianangelo Bellati, Enrico Cavaliere e Jan Gaži dell'Euro Labor s.r.l., e Dubravka Škopac (Eurosportello del Veneto).

Il motivo dell'incontro era legato all'accordo concernente la futura cooperazione territoriale fra il Veneto e l'Istria e sulla possibilità di attingere ai mezzi dei fondi e programmi dell'UE. Quali campi di una possibile cooperazione sono in particolare l'agriturismo, l'agricoltura, il turismo e la creazioni di legami fra università. Gli ospiti hanno dimostrato interesse anche per i prodotti autoctoni istriani e le prassi e procedure riguardo alla loro tutela.

Il Presidente Flego ha menzionato che l'Istria e il Veneto sono legate da un'amicizia che dura da anni e da una buona collaborazione sui progetti europei nel periodo di preadesione ed è stato concorde che le possibilità di realizzare progetti comuni sono molte.

- Verso la fine dell'anno avremo a disposizione i mezzi del programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Croazia per il quale stiamo già ora preparando i progetti. Sono contento che gli imprenditori della Regione Veneto abbiano visto l'Istria come un buon partner e sono sicuro che assieme avremo ancora più successo – così ha detto il Presidente Flego. Nell'esprimere la sua approvazione per quanto detto, il signor Drandić ha aggiunto che l'Istria, oltre al turismo, ha bisogno anche di industria per aprire nuovi posti di lavoro.

I presenti hanno parlato anche di temi attuali come la disoccupazione, in particolare dei giovani, e del problema dell'immigrazione clandestina in Italia.