29.11.17. u 14:08

Ha preso il via il Piano principale di sviluppo del sistema del traffico dell'Adriatico settentrionale

È stata firmata oggi al Museo storico e navale del Litorale croato a Fiume, l’appendice al I Accordo di partenariato sull’elaborazione del Piano principale di sviluppo del sistema del traffico per la regione funzionale Adriatico settentrionale. L'Accordo è stato firmato dai presidenti delle Regioni Istriana, Litoraneo-montana e della Lika e Segna Valter Flego, Zlatko Komadina e Darko Milinović. Le tre regioni summenzionate stanno svolgendo assieme il progetto di elaborazione del Piano principale di sviluppo del sistema del traffico per la regione funzionale Adriatico settentrionale.

Al momento della firma, il Presidente Flego ha sottolineato che il traffico è un aspetto importante per il funzionamento e lo sviluppo dell'economia e della società per intero. I Piano quindi, secondo Flego, servono per considerare lo stato esistente e definire il futuro sviluppo.

"L'Europa richiede la conformazione dei piani ossia che noi innanzitutto definiamo le nostre priorità che sono conformate con le viabili europee. Le nostre priorità sono di unire meglio il traffico stradale e ferroviario alla Regione Litoraneo-montana, rinnovare la ferrovia che attraversa l'Istria e il collegamento del traffico attraverso l'aeroporto", ha dichiarato il Presidente Flego.

Il Piano principale dello sviluppo del sistema del traffico è il documento strategico basilare di uno sviluppo del traffico a lungo termine nell'ambito della regione funzionale Adriatico settentrionale. La sua elaborazione è condizionata dalla necessità di un ulteriore sviluppo sostenibile dell'area menzionata, conformemente agli obiettivi economici e sociali e alle esigenze di migliorare le condizioni di vita, tutela e conservazione dell'ambiente, risparmi energetici ed efficacia energetica e ad altri obiettivi di sviluppo sostenibile.

Fra l'altro, il Piano principale di sviluppo del sistema del traffico della regione funzionale Adriatico settentrionale costituirà il fondamento strategico per tutti i futuri progetti del traffico, accelererà la preparazione dei progetti nel traffico e aumenterà il valore del loro finanziamento dai fondi europei e da altre fonti finanziarie. Per questo il Piano principale sarà basato sulle politiche e i documenti strategici dell'Unione Europea, della Repubblica di Croazia e delle unità d'autogoverno locale e territoriale (regionale) di quest'area.

Il Ministero della marina, del traffico e dell'infrastruttura ha emanato il 7 marzo 2017 la Delibera sul finanziamento per il progetto Piano principale. IL valore complessivo del progetto ammonta a 9.422.825,00 kn, di cui 7.990.555,60 kn (84,8%) sono mezzi a fondo perduto e i mezzi propri dell'ammontare di 1.432.269,40 kn (15,2%), assicurati da parte delle regioni Istriana, Litoraneo-montana e della Lika e Segna.

La Regione Litoraneo-montana quale partner leader in collaborazione con gli altri partner svolge delle attività mirate alla realizzazione del Piano principale di sviluppo del sistema del traffico della regione funzionale Adriatico settentrionale in base all'Accordo di partenariato firmato dalle Regioni il 30 maggio 2016.

Stando alla Strategia dello sviluppo del traffico della RC 2014-2020 queste tre regioni fanno la regione funzionale Adriatico settentrionale nel senso del traffico.

Il Piano principale si applicherà per il periodo fino al 2030 (conformemente al periodo fino al quale è stata elaborata la Strategia di sviluppo del traffico della RC 2017-2030), e si prevede che questo sarà realizzato entro il 31 dicembre 2018.

Il 5 luglio 2017 il Ministero dello sviluppo regionale e dei fondi UE ha emanato la Delibera sulla concessione dei mezzi per il cofinanziamento dell'attuazione del progetto UE per cofinanziare parte dei mezzi che è necessario assicurare dalle proprie fonti per attuare il progetto " Piano principale di sviluppo del sistema del traffico della regione funzionale Adriatico settentrionale" nel quale al partner leader si assegnano mezzi nell'importo di 572.907,76 kune, pari al 40% della partecipazione propria complessiva. L'importo complessivo assegnato sarà ripartito in uguali percentuali: alla Regione Litoraneo-montana 190.969,26 kune, alla Regione Istriana 190.969,25 kune e alla Regione di Lika e Segna 190.969,25 kune.