Regione Istriana: Firmati dei contratti del valore di 100 milioni di kune per il rinnovo del patrimonio culturale, l'acquisto di autobus e la costruzione di un istituto di cure palliative
27.07.18. u 14:51

Firmati dei contratti del valore di 100 milioni di kune per il rinnovo del patrimonio culturale, l'acquisto di autobus e la costruzione di un istituto di cure palliative

Si è tenuta oggi al Palazzo municipale di Pola la firma solenne del contratto di assegnazione di mezzi a fondo perduto del Programma operativo competitività e coesione 2014-2020 dell'Unione Europea alla quale hanno partecipato anche il Ministro allo sviluppo regionale e i fondi dell'Unione europea Gabrijela Žalac, il Presidente della Regione Istriana Valter Flego, il Sindaco di Pola Boris Miletić e il direttore dell'Agenzia centrale per il finanziamento e la stipulazione di programmi e progetti dell'UE Tomislav Petrić.

Si tratta di progetti del valore complessivo di 100 milioni di kune per il rinnovo del patrimonio naturale, l'acquisto di autobus e la costruzione del centro di cure palliative. 49 milioni di kune sono mezzi a fondo perduto dei fondi UE. Sono stati così firmati i contratti per il progetto „Acquisto di autobus a metano e della Stazione di ricarica a metano“ del richiedente Pulapromet s.r.l., il progetto „Costruzione dell'istituto di cure palliative – Ospizio a Pola“ presentato dalla Diocesi di Pola e Parenzo, il progetto dell'Ente pubblico Kamenjak „ORKA – Sviluppo sostenibile del paesaggio di Donji Kamenjak e dell'arcipelago di Medulin“ e il progetto del Comune di Orsera „KLIM Kontija-Limski zaljev-Održivo upravljanje zaštićenim područjima“ (Contia-Canal di Leme – Gestione sostenibile delle aree protette).

Nei progetti ORKA e KLIM la Regione Istriana è uno dei partner - lo ha ricordato il Presidente Flego.

„Sono molto contento di partecipare all'odierna firma dei contratti per due nuovi progetti dell'UE il cui valore complessivo ammonta a 19,2 milioni di kune. Lo sviluppo sostenibile in tutte le sfere dell'attività umana, e ciò vale anche quando parliamo del patrimonio naturale, è una delle priorità della Regione Istriana“, ha dichiarato il Presidente Flego ringraziando il ministro e il suo team perché hanno riconosciuto questa priorità.

Il Presidente Flego ha inoltre ricordato l'incontro di lavoro con il ministro e i collaboratori che ha preceduto la firma dei contratti, sottolineando che si è parlato di progetti futuri, in particolare di quelli sul tema dello sviluppo rurale. Flego ha inoltre dichiarato che sono in fase di preparazione i progetti per i programmi di cooperazione transfrontaliera Croazia-Slovenia e Croazia-Italia.

Secondo il Sindaco Miletić, la giornata odierna non è importante solo per la città di Pola ma per l'intera area urbana di Pola:

„Dopo tanto lavoro e preparativi oggi firmiamo gli accordi che garantiscono i mezzi per una vita più qualitativa e un maggiore standard sociale per l'Area urbana di Pola. Ringrazio il ministro perché con questo approccio alla realizzazione del meccanismo ITU ha consentito un diretto decentramento dei mezzi finanziari dei fondi dell'UE“, ha dichiarato il Sindaco di Pola.

Anche il ministro Žalac ha dichiarato di essere lieta della firma di questi contratti e ha concluso che i progetti dei valori naturali protetti contribuiranno a migliorare l'offerta turistica unificata e l'intera economia.