07.09.18. u 15:24

Il Presidente Flego: All'incontro del Governo a Pola ci aspettiamo la modifica della Delibera sulla garanzia statale per la continuazione della costruzione dell'OG di Pola

All’odierno incontro di lavoro con il Ministro della sanità Milan Kujundžić, ha dichiarato il Presidente della Regione Istriana Valter Flego, si è parlato della situazione attuale legata alla costruzione del nuovo ospedale, dei processi legati alla conclusione dei lavori di costruzione e dell'attività stessa dell'Ospedale, come pure dei futuri piani. All'incontro erano presenti anche il Presidente dell'Assemblea della Regione Istriana Valter Drandić, il Sindaco di Pola Boris Miletić, la direttrice dell'OG di Pola Irena Hrstić, il direttore dell'Istituto croato per l'assicurazione sanitaria Lucijan Vukelić, il Segretario di Stato e Presidente della Commissione per la supervisione e la costruzione Željko Plazonić, e il Presidente del Consiglio d'amministrazione dell'OG di Pola Valerio Drandić.

„Posso dire che siamo ottimisti e dopo l'odierno incontro ringraziamo tutti quelli che si sono schierati dalla nostra parte per concludere assieme i lavori di costruzione del nuovo OG di Pola, il progetto più importante non solo per la sanità istriana ma in generale per l'Istria intera. Al momento ci aspettiamo che il Governo all'incontro previsto peri l 13 settembre a Pola emani la modifica della Delibera sull'assegnazione della garanzia statale a favore del credito della Banca croata peri l rinnovo e lo sviluppo nell'importo di 300 milioni di kune. I lavori di costruzione proseguono secondo l'andamento previsto e finora abbiamo speso il 50% dei 600 milioni di kune previsti“, ha sottolineato il Presidente Flego aggiungendo che è stato concordato che il resto dei lavori di costruzione si finanzieranno come finora, ossia il 75% delle spese sarà coperto dallo Stato e il 25% dalla Regione Istriana.

„Poiché siamo riuscita a concordare con le banche condizioni di finanziamento molto più vantaggiose, l'aumento reale dell'investimento non modificherà considerevolmente e neppure metterà in pericolo il bilancio statale o il nostro bilancio“, ha dichiarato il Presidente Flego.

„La costruzione del nuovo OG di Pola è da una parte necessaria per la popolazione in Istria e dall'altra un buon progetto. Anche questo governo continuerà a promuovere quello che c'è di buono e necessario, come questo progetto. Già alla prossima seduta del Governo o nei giorni a seguire il Governo darà la garanzia per i restanti 300 milioni di kune affinché la costruzione possa continuare“, ha dichiarato il Ministro della sanità aggiungendo che è stato concordato che per l'Istria settentrionale è indispensabile realizzare un day hospital, quale parte dell'OG di Pola.

„L'OG di Pola ha le risorse, così questo sarebbe un investimento relativamente piccolo e le persone non dovrebbero percorrere 70 o più chilometri, ha concluso il Ministro.

Anche il Presidente della Commissione per la supervisione e la costruzione Plazonić è soddisfatto del progetto:

„Sono molto contento e soddisfatto di avere avuto l'occasione e l'onore di essere a capo di questa Commissione che rappresenta un esempio di come grazie a una cooperazione comune, alla motivazione e alla professionalità si possa un progetto così grande e impegnativo portare a termine quanto prima. Sono profondamente convinto che nel 2019 questo progetto sarà terminato“.

La direttrice Hrstić ha parlato dell'andamento dei lavori dichiarando che attualmente si sta lavorando innanzitutto sugli interni, il che è meno visibile dall'esterno. Si collocano i pavimenti, le installazioni e le porte e si concludono anche le facciate, come pure gli edifici stessi. La conclusione dei lavori alla Struttura 1 (parte nuova) è del 75% e alla Struttura 2 (Policlinico, day hospital e chirurgia diurna) è dell'85%. Per la ginecologia non è iniziato il classico adattamento perché necessita innanzitutto di essere traslocata.

È stata inolre acquistata l'attrezzatura del valore di 44 milioni di kune, 22 dei quali sono stati attinti grazie a un credito e gli altri 22 milioni dai fondi dell'UE.

Dopo l'incontro di lavoro c'è stata la visita del cantiere del nuovo OG di Pola.