19.09.18. u 14:13

La solidarietà quale chiave per il successo in Istria

Il Presidente della Regione Istriana Valter Flego ha ricevuto oggi nella sede della Regione Istriana a Pola la il difensore civico Lora Vidović, che nel visitare le regioni desidera identificare le sfide che i cittadini affrontano nella vita quotidiana. Con questo proposito, ma desiderando anche avvicinare l'istituzione del difensore civico a un numero quanto maggiore di attori a livello regionale e locale, il difensore civico e il Presidente della Regione Istriana hanno parlato degli esempi di buona prassi ma anche dei settori in cui esiste la possibilità di fare dei miglioramenti. Il difensore pubblico ha dichiarato di aver visitato più di metà Croazia con i suoi collaboratori e ora è il turno dell'Istria, la regione più sviluppata.

„L'Istria è per noi molto importante e per questo desideriamo sapere da voi quali sono gli esempi di buon funzionamento per applicarli nelle altre parti della Croazia“, ha dichiarato il difensore Vidović nominando come esempio l'organizzazione della Comunità dei vigili del fuoco della Regione Istriana e la percezione in Istria, a differenza per esempio della Regione Spalato-dalmata o di quella di Zara, non ci sono affatto incendi.

Il Presidente Flego ha risposto che in Istria ci sono incendi ma che il sistema funziona in modo eccellente e reagisce prontamente, il che, nella maggior parte dei casi ha un'importanza decisiva. Negli scorsi anni, ha aggiunto il Presidente, si è investito molto nelle misure preventive e nell'attrezzatura per i vigili del fuoco.

„Il sistema dei vigili del fuoco, come quello per esempio del Pronto soccorso o del Sistema istriano di tutela delle acque, funziona secondo il principio di solidarietà della Regione, di tutte le città e dei comuni e questa è la chiave del successo istriano in ogni campo“, ha dichiarato Flego.

Va cambiato quanto prima, secondo le parole del Presidente, l'indice di sviluppo definito nella nuova Legge sullo sviluppo regionale della RC.

„L'Indice di sviluppo non contribuisce in nessun modo al nostro desiderio di fare in modo che l'Istria si sviluppi con l'aiuto dei mezzi dei fondi UE. L'indice testimonia una posizione svantaggiata dei nostri imprenditori, città e comuni al momento della partecipazione ai vari concorsi europei. Essi sono penalizzati in partenza e discriminati perché provengono dall'Istria, indipendentemente dal fatto che si tratti di un comune dell'entroterra o di una città della costa“, ha dichiarato il Presidente Flego aggiungendo che per questo motivo molti progetti non passano, frenando il progresso delle aree rurale dell'Istria.

Nel corso dell'incontro si è parlato anche di questioni ecologiche, sanità, assistenza sociale e minoranze.