10.02.20. u 12:26

La posa della prima pietra ha segnato l'apertura del cantiere della nuova Scuola di medicina di Pola

L'apertura solenne dei lavori di costruzione della Scuola di medicina di Pola, ha segnato oggi l'inizio dei lavori di questo progetto estremamente importante e valido della Regione Istriana. Nel luogo in cui una volta sorgeva la Scuola, demolita nel 2016, sono arrivati i numerosi invitati all'evento. A loro si sono rivolti il Vicepresidente f.f. il presidente della Regione Istriana Fabrizio Radin, il Sindaco di Pola Boris Miletić e il preside della Scuola di medicina di Pola Ivan Žagar, dopo di che è stata posata la prima pietra.

Per il Presidente Radin la giornata di oggi è stata importante perché ha segnato l'apertura del cantiere della nuova Scuola di medicina di Pola che la Regione sta costruendo per intero, dalle fondamenta. Il Presidente Radin ha ringraziato la Città di Pola che ha riconosciuto l'importanza del progetto e partecipa considerevolmente al suo cofinanziamento.

„La Regione Istriana sta investendo continuamente nell'istruzione, e particolarmente importanti sono gli investimenti che seguono le esigenze del mercato del lavoro. Come sappiamo, la mancanza di personale medico è oggi un grosso problema, non solo a livello locale ma anche dell'intero Stato. Per questo motivo la costruzione della Scuola di medicina avrà degli effetti positivi sulla sanità istriana. Con la conclusione di questo progetto si creeranno le condizioni necessarie anche per aprire nuovi programmi didattici come quello di assistente dentale, tecnico farmaceutico, tecnico sanitario e di laboratorio e tecnico sanitario“, ha dichiarato il Presidente Radin aggiungendo che su una superficie addirittura otto volte più grande di quella di una volta, la nuova struttura ben attrezzata offrirà le condizioni adeguate per il lavoro e lo studio.

„Spero che fra quindici mesi ci ritroveremo qui, tutti assieme, per l'inaugurazione della nuova Scuola di medicina di Pola. Un particolare ringraziamento da parte mia va ai Comitati locali di Castagner e Grega per l'appoggio offerto e grazie a tutti gli inquilini che abitano in questa zona per la comprensione“, ha concluso il Presidente Radin.

Il Sindaco Miletić ha espresso il suo contento per il fatto che la Scuola di medicina di Pola riceverà un nuovo edificio e che possiamo vedere i lineamenti del nuovo Ospedale generale di Pola.

„Ci rimane ancora un desiderio, ossia fare in modo che nella nostra città ci sia una Facoltà di medicina. In questo modo completeremmo il ciclo di formazione nel campo della medicina e della sanità. Penso di poter constatare che nella nostra città, negli ultimi 10 anni abbiamo fatto moltissimo nel campo dell'istruzione elementare, specialmente peri l fatto che tutte le nostre scuole hanno le lezioni monoturno“, ha sottolineato il Sindaco ringraziando la Regione Istriana per il raggiungimento del consenso.

„Nonostante non sia la fondatrice della Scuola di medicina, la Città di Pola partecipa con metà delle spese al finanziamento del progetto. Sta a tutti noi impegnarsi a far diventare questa città ancora più bella e migliore per vivere“ ha detto alla fine il Sindaco di Pola.

Il Preside Žagar ha dichiarato che la Scuola di medicina di Pola fu fondata nel 1956 come istituto superiore, nel 1956 diventa Scuola superiore per infermiere e nel 1970 acquista il nome odierno.

„Come potete vedere, si tratta di una lunga tradizione e nel 2021 non apriremo soltanto un nuovo edificio ma celebreremo i 65 anni d'attività della Scuola. Oggi desideriamo chiedere perché si costruisce il nuovo edificio scolastico? Nel 2010 la nostra Scuola ha traslocato a causa dello stato logoro dell'edificio e da allora operiamo in due punti, uno in seno all'Ospedale generale di Pola e l'altro presso l'Università popolare aperta di Pola. Il secondo motivo sono le esigenze del mercato del lavoro. Le istituzioni sanitarie a Pola, nella Regione Istriana e anche nella Repubblica di Croazia segnano costantemente un ammanco di personale medico. Il problema più grande sono le infermiere, ed è quello che noi istruiamo“, ha dichiarato il Preside aggiungendo che la Scuola oggi conta 270 alunni, mentre con la costruzione del nuovo edificio le sue capacità aumenteranno per ospitare dai 400 ai 450 alunni.

Il valore complessivo dell'investimento ammonta a 56 milioni di kune. L'esecutore dei lavori è l'impresa Radnik d.d. Križevci, la supervisione del progetto è a cura dell'impresa AD – arhitektura i dizajn s.r.l. Pola, mentre il responsabile del progetto è l'impresa Primum ing s.r.l. Pola.