27.04.20. u 15:31

Preparare l’Istria per l'apertura dei confini e l'arrivo degli ospiti è un compito prioritario

La prima seduta della Commissione per il turismo della Regione Istriana si è tenuta oggi, in piena formazione, tramite una videoconferenza, ed è stata presieduta dal Vicepresidente f.f. il Presidente della Regione Istriana Fabrizio Radin. All'ordine del giorno c'erano le questioni e le tematiche legate all'epidemia di coronavirus e alle sue implicazioni sulla stagione turistica 2020 che riguardano il coordinamento delle attività con il Comando di protezione civile dell'Istria, il Governo della RC, le città e i comuni dell'Istria, ma anche con gli organi dell'Unione Europea, in particolare per la questione dell'apertura dei confini. È stata inoltre esaminata la situazione sui principali mercati emissivi della Regione Istriana, come pure le aspettative dei singoli settori, ossia degli albergatori, dei ristoratori, dei campeggi turistici, degli alloggi privati e della nautica.

La Commissione ha constatato all'unanimità l'indispensabilità di trovare un accordo fra il sistema della sanità pubblica, ossia degli esperti nell'epidemiologia e nel turismo che dovrebbe permettere la tutela della salute e la realizzazione di parte dell'anno turistico. Com'è stato affermato alla seduta, gli attori nel turismo si trovano nell'ultima fase della loro attività durante queste nuove circostanze e si attendono le istruzioni degli epidemiologi affinché dopo l'11 maggio possano iniziare ad aprire le loro strutture, e dopo l'apertura dei confini, accogliere gli ospiti stranieri.

Sulla traccia di questo, la Commissione ha emanato quattro conclusioni: Primo: è che è necessario definire le condizioni epidemiologiche secondo le quali sarà possibile svolgere l'attività turistica e alberghiera (hotel, campeggi, alloggi privati, ristoranti, marina…) con tutti i servizi, con il coordinamento del Comando della protezione civile e degli esperti nel turismo; secondo: è necessario trasmettere al Comando della protezione civile della RC una lettera concernente l'apertura dei confini, ossia la data e le condizioni necessarie per l'apertura dei confini della RC. Qualora non sia possibile definire la data esatta dell'apertura dei confini, richiedere una data approssimativa di quando ciò potrebbe avvenire. Per svolgere i preparativi è indispensabile ottenere l'informazione sull'apertura dei mercati emissivi più importanti della Regione Istriana come Slovenia, Austria e Germania; terzo: iniziare con i preparativi della campagna promozionale da rivolgere innanzitutto ai mercati emissivi più importanti per la Regione Istriana, promuovendo l'Istria come una destinazione da raggiungere in automobile; quarto: è la questione relativa alla cooperazione con le unità d'autogoverno locale dell'Istria che riguarderebbe la definizione di misure concrete d'uso delle spiagge, delle piazze e delle altre superfici pubbliche che negli scorsi anni erano i principali punti di raccolta in massa degli ospiti.

Al fine di seguire attivamente l'ulteriore sviluppo della situazione epidemiologica e ottenere i massimi risultati nella realizzazione della stagione turistica di quest'anno, è stato concordato che la Commissione s'incontrerà almeno una volta alla settimana.

A capo della Commissione vi è il Presidente Fabrizio Radin, mentre i membri sono: Boris Miletić Sindaco della Città di Pola e rappresentante di tutte le unità d'autogoverno locale nella Regione Istriana; Veljko Ostojić, direttore dell'Associazione croata per il turismo e presidente dell'Associazione campeggiatori della Croazia; Boris Žgomba, presidente dell'Associazione delle agenzie di viaggi presso la Camera croata d'economia; Marijan Ritossa, rappresentante dei piccoli hotel a conduzione familiare e degli alloggi privati; Sean Lisjak, presidente dell'Associazione dei marina presso la Camera croata d'economia; Denis Ivošević, direttore dell'Ente per il turismo della Regione Istriana; Ivan Jakovčić, ex Presidente della Regione Istriana ed ex deputato nel Parlamento europeo; Valter Flego, ex Presidente della Regione Istriana e attuale deputato nel Parlamento europeo; Darko Lorencin, ex ministro del turismo; Anton Kliman, ex ministro del turismo e attuale deputato parlamentare nel Parlamento croato; Nada Prodan Mraković, Assessora al turismo della Regione Istriana.