Invito pubblico per l'assegnazione di mezzi in base alle misure d'incentivazione dell'economia della Regione Istriana per il 2014

MISURA 1: FONDO DI GARANZIA PER L'INDUSTRIA DELLA TRASFORMAZIONE E LE INNOVAZIONI NELL'INDUSTRIA DELLA TRASFORMAZIONE

Assegnazione di crediti in base al Programma del Ministero dell'economia „Fondo di garanzia per l'industria della trasformazione e le innovazioni nell'industria della trasformazione“ attuata dall'Agenzia istriana per lo sviluppo s.r.l. secondo i programmi della Banca croata per il rinnovo e lo sviluppo. I crediti saranno realizzati tramite le banche d'affari Istarska kreditna banka Umag S.p.A. e l'OTP banka S.p.A.

Gli imprenditori interessati possono ricevere informazioni sul credito:

  • presso l'Agenzia istriana per lo sviluppo (IDA) s.r.l., via Venezia 12 (IV piano), 52100 Pola, Tel. 052/381-900, Fax 052/381-905
  • presso l'HBOR (Banca croata per il rinnovo e lo sviluppo) ufficio territoriale per l'Istria, via Venezia 12 (IV piano), 52100 Pola, Tel. 052/219-218, Fax 052/219-217
  • nelle filiali della banca OTP S.p.A.
  • nelle filiali della banca IKB Umag S.p.A.
  • sul sito internet www.ida.hr.

La richiesta per il credito completa della documentazione necessaria, va presentata di persona o per posta raccomandata agli indirizzi delle banche d'affari e dell'HBOR.

MISURA 2: SUSSIDI ALLE IMPRESE NEO ISTITUITE

In base alla Misura 2 „Sussidi alle imprese neo istituite“ i sussidi a fondo perduto vengono assegnati dalla città / dal comune sul cui territorio è registrato l'imprenditore – principiante e la Richiesta d'attribuzione dei mezzi va presentata direttamente alla città/al comune.

Sono considerati principianti gli imprenditori che aprono per la prima volta la loro attività artigianale o la società commerciale oppure le hanno aperte per la prima volta e operano e hanno registrato la sede sul territorio della città / del comune che assegna il sussidio, e hanno 1 persona assunta a tempo indeterminato, compreso/a anche il proprietario/la proprietaria per le seguenti finalità:

a) redazione dei piani operativi / programmi d'investimento
b) acquisto dell'attrezzatura informatica
c) servizi bancari per l'elaborazione del credito
d) ottenimento della documentazione necessaria per l'apertura dell'attività artigianale o della società commerciale e presentazione della richiesta per l'ottenimento del credito (spese notarili, stima degli immobili, moduli d'affidabilità finanziaria, periti giudiziari, piano operativo, documentazione progettuale e tecnologica, minime condizioni tecnologiche per il vano d'affari, studio sull'impatto ambientale, permessi vari e sim.)
e) allestimento del vano d'affari (lavori edili, installazioni e lavori di allestimento interno),
f) acquisto dell'attrezzatura per le funzioni basilari dell'attività artigianale o della società commerciale
g) realizzazione del sito Internet e stampa dei materiali promozionali
h) formazione imprenditoriale aggiuntiva legata all'attività basilare e formazione informatica.

Un singolo soggetto fruitore può usufruire una volta soltanto del diritto al sussidio.

Hanno diritto di precedenza i soggetti presentatori impiegati nel campo d'attività dell'industria della trasformazione.    

I sussidi vengono assegnati fino all'esaurimento dei mezzi disponibili.

Documentazione:

  • fotocopia dell'atto di registrazione (licenza d'esercizio, provvedimento o estratto dal registro giudiziario)
  • certificato dell'Istituto croato per l'assicurazione sanitaria e d'invalidità con la notifica dell'impiego al lavoro
  • fotocopia della fattura per l'acquisto dell'attrezzatura o delle spese d'apertura dell'attività artigianale rispettivamente della società commerciale, di redazione della documentazione, di piani o studi e altra documentazione
  • fotocopia dell'estratto del conto corrente, attestante l'effettivo pagamento
  • certificato che il soggetto non ha debiti nei confronti dell'unità d'autogoverno locale.

Le condizioni dettagliate di una singola città / un singolo comune per la presentazione all'invito pubblico per l'attuazione della misura menzionata, si possono scaricare dal collegamento „invito pubblico“ indicato accanto alla singola città / al singolo comune.

Le città coinvolte nell'attuazione della misura sono:

MISURA 3: SUSSIDI AGLI IMPRENDITORI PER IL FINANZIAMENTO DEI PREPARATIVI E LA CANDIDATURA AI PROGETTI DELL'UE

Il sussidio a fondo perduto agli imprenditori per finanziare i preparativi e la candidatura dei progetti UE viene assegnato dalla città / dal comune sul cui territorio è registrato l'imprenditore e la Richiesta per l'assegnazione dei mezzi va presentata direttamente alla città / al comune.

Il 70% dei sussidi si finanzia dal bilancio della città / del comune e il 30% dal bilancio della Regione Istriana.

Possono presentare la richiesta per l'assegnazione del sussidio finanziario a fondo perduto gli imprenditori che lavorano o hanno la sede sul territorio della città / del comune per le seguenti finalità:

  • compensi per i consulenti (realizzazione di proposte progettuali e compilazione di moduli di partecipazione),
  • realizzazione di piani operativi, dello studio di fattibilità e di altri documenti necessari per candidare al concorso per l'uso dei mezzi dai fondi dell'Unione Europea. 

Condizioni per l'assegnazione della sovvenzione:

  • che l'investimento previsto nel progetto per il quale si richiede il sussidio sia realizzato sul territorio della città / del comune che assegna la sovvenzione,
  • che il soggetto presentatore non usi altre fonti di cofinanziamento per il sussidio in questione,
  • che il soggetto presentatore usufruisca dei servizi di persone fisiche e giuridiche autorizzate a svolgere le mansioni per i propositi summenzionati
  • che il progetto sia candidato nel 2014
  • che la fattura per i servizi effettuati sia stata emessa nel 2014

Hanno diritto di precedenza i soggetti presentatori impiegati nel campo d'attività dell'industria della trasformazione.    

I sussidi vengono assegnati fino all'esaurimento dei mezzi disponibili.

Documentazione:

  • fotocopia dell'atto di registrazione (licenza d'esercizio, provvedimento o estratto dal registro giudiziario)
  • fotocopia del conto
  • fotocopia dell'estratto del conto corrente, attestante l'effettivo pagamento
  • certificato attestante la presentazione del progetto al concorso per attingere ai fondi dell'Unione Europea.

Le condizioni dettagliate concernenti la presentazione all'invito pubblico per l'attuazione della misura menzionata, si possono scaricare dal collegamento „invito pubblico“ indicato accanto la denominazione della città / del comune.

Le città coinvolte nell'attuazione della misura sono:

MISURA 4: SUSSIDI PER NUOVI COLLOCAMENTI AL LAVORO E L'AUTO-OCCUPAZIONE

I sussidi a fondo perduto per nuovi collocamenti al lavoro e l'auto-occupazione vengono assegnati dalla città/dal comune sul cui territorio è registrato il datore di lavoro, rispettivamente sul cui territorio hanno la residenza fissa le persone che intendono auto-occuparsi avviando un'attività artigianale o una società commerciale. La richiesta per l'assegnazione del sussidio a fondo perduto va presentata direttamente alla città / al comune competente. Non possono realizzare il diritto al sussidio le società commerciali di proprietà della città / del comune.

Il sussidio per il nuovo collocamento al lavoro e l'auto-occupazione riguarda il rimborso dei mezzi sulla base dei contributi obbligatori versati dallo e sullo stipendio lordo per le persone neo collocate al lavoro.

Hanno diritto di precedenza le imprese registrate per svolgere attività inerenti l'industria della trasformazione.    

I sussidi vengono assegnati fino all'esaurimento dei mezzi disponibili.

Le condizioni per la presentazione all'invito pubblico per l'attuazione della misura menzionata, si possono scaricare dal collegamento „invito pubblico“ indicato accanto la denominazione della città / del comune.

Le città coinvolte nell'attuazione della misura sono:

MISURA 5: SUSSIDI PER LA FORMAZIONE DEGLI IMPRENDITORI SULLE CONDIZIONI PER LA GESTIONE DELL'ATTIVITÀ NELL'UE

La Regione Istriana stanzia i mezzi per l'attuazione della misura „Sussidi per la formazione degli imprenditori sulle condizioni per la gestione dell'attività nell'UE“, che viene svolta dall'Agenzia istriana per lo sviluppo (IDA) s.r.l..

La misura comprende il finanziamento della formazione sulle condizioni per la gestione dell'attività nell'UE ed è destinata ai piccoli e medi imprenditori e artigiani sul territorio della Regione Istriana.

Gli imprenditori interessati possono ottenere le informazioni all'Agenzia istriana per lo sviluppo (IDA) s.r.l., via Venezia 12 (IV piano), 52100 Pola, Tel. 052/381-900 o inviando le loro domande all'indirizzo di posta elettronica ida-uprava@ida.hr.


L'invito pubblico per i singoli corsi formativi sarà pubblicato sul sito Internet dell'Agenzia istriana per lo sviluppo (IDA) s.r.l. www.ida.hr.

La richiesta per partecipare ai corsi formativi va presentata direttamente all'Agenzia istriana per lo sviluppo (IDA) s.r.l. dopo la pubblicazione dell'invito pubblico a partecipare al singolo corso formativo.

MISURA 6: COFINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI NEGLI STANDARD QUALITATIVI

Il sussidio a fondo perduto per il cofinanziamento degli investimenti negli standard qualitativi viene assegnato dalla città/dal comune sul cui territorio è registrata l'impresa. La richiesta per l'assegnazione del sussidio a fondo perduto va presentata direttamente alla città / al comune competente.
 
Possono presentare la richiesta per l'assegnazione del sussidio a fondo perduto gli imprenditori che operano e hanno la sede sul territorio della città / del comune, per le seguenti destinazioni:

  • servizi di consultazione o formazione nell'introduzione del sistema e dello standard qualitativo
  • certificazione del sistema
  • certificazione dei prodotti – prova concernente la conformità dei propri prodotti alle norme e direttive croate ed europee
  • spese di acquisizione del diritto a usare il marchio Hrvatska kvaliteta (Qualità Croata), Izvorno hrvatsko (Originale croato), ISO, HACCP e altri contrassegni di denominazione di origine e provenienza geografica
  • cofinanziamento delle spese per l’acquisto dell'attrezzatura informatica, del software da lavoro e dell'inventario minuto indispensabile per il miglioramento della qualità nel processo produttivo e lavorativo.

Non sono ritenute accettabili le spese di prolungamento dei certificati / ricertificazione.

Hanno diritto di precedenza i soggetti impiegati nell'industria della trasformazione.    

I sussidi vengono assegnati fino all'esaurimento dei mezzi disponibili.

Documentazione:

  • fotocopia dell'atto di registrazione (licenza d'esercizio, provvedimento o estratto dal registro giudiziario)
  • fotocopia del conto
  • fotocopia dell'estratto del conto corrente, attestante l'effettivo pagamento
  • fotocopia del certificato.

Le condizioni per la presentazione all'invito pubblico per l'attuazione della misura menzionata, si possono scaricare dal collegamento „invito pubblico“ indicato accanto la denominazione della città / del comune.

Le città coinvolte nell'attuazione della misura sono:


MISURA 7: PROMOZIONE DELLE INNOVAZIONI SUL MERCATO INTERNAZIONALE

La Regione Istriana stanzia i mezzi per l'attuazione della misura „Promozione delle innovazioni sul mercato internazionale“,svolta dall'Unione delle associazioni d'innovatori della Regione Istriana.

La misura comprende il cofinanziamento della partecipazione alle fiere internazionali specializzate, alle mostre e alle altre manifestazioni, la consulenza professionale sul lavoro inventivo e l'assistenza nell’attuazione delle registrazioni per la tutela delle innovazioni per le quali esiste la possibilità di commercializzarle.

Gli innovatori e gli imprenditori interessati possono ricevere tutte le informazioni necessarie presso la sede dell'Unione delle associazioni d'innovatori della Regione Istriana, via F. Glavinić 1/2, 52100 Pola; tel.: 052/219-133; tel./fax: 052/219-160, e-mail: drustvo-inovatora@pu.htnet.hr.

La richiesta va presentata direttamente all'Unione delle associazioni d'innovatori della Regione Istriana.

MISURA 8: SOVVENZIONAMENTO DELLE SPESE PER SOSTENERE GLI ESAMI PROFESSIONALI E DI MAESTRO

Il sovvenzionamento delle spese per sostenere gli esami professionali e di maestro viene assegnato dalla città/dal comune sul cui territorio è registrato il datore di lavoro. La richiesta per l'assegnazione del sussidio a fondo perduto va presentata direttamente alla città / al comune competente.

Gli imprenditori che operano e hanno la sede sul territorio della città/del comune, possono presentare la richiesta per realizzare il diritto al sovvenzionamento delle spese per:

a) Sostenere gli esami di maestro o gli esami di abilitazione professionale il cui superamento è prescritto nelle disposizioni della Legge sull'attività artigianale (GU 143/13) per i mestieri prescritti nel Regolamento sugli artigianati vincolati e il modo di concedere privilegi (GU 42/08), e nel registro artigianale risulta iscritto lo svolgimento dell'attività artigianale con sede sul territorio della città / del comune.
b) Sostenere gli esami professionali – secondo il Regolamento sull'esame professionale e il completamento e perfezionamento del sapere delle persone che svolgono mansioni legate all'assetto territoriale e l'edilizia (GU 24/08, 141/09,23/11, 129/11, 109/12) per le persone che sono in rapporto di lavoro e sono residenti sul territorio della città / del comune.
c) Il perfezionamento professionale – perfezionamento professionale a livello di scuola media superiore, per le persone che sono in rapporto di lavoro, hanno la residenza sul territorio della città / del comune e lavorano nel campo dell'industria della trasformazione. 

Ha diritto alla sovvenzione anche il soggetto presentatore che ha sostenuto l'esame di maestro o l'esame di abilitazione professionale prima dell'apertura dell'attività artigianale, ossia dall'1 luglio 2013, e al momento della presentazione della richiesta di sovvenzionamento delle spese, dispone di un'attività artigianale aperta.

I sussidi vengono assegnati fino all'esaurimento dei mezzi disponibili.

Documenti:

  • Il certificato attestante il superamento dell'esame di maestro rilasciato dalla Camera croata dell'artigianato o dell'esame di abilitazione professionale
  • La prova attestante il pagamento dei mezzi per il superamento dell'esame o le spese dell'abilitazione professionale
  • Il Certificato di residenza o la fotocopia della carta d'identità da ambo le parti
  • La prova che la persona che ha superato l'esame di maestro, rispettivamente l'esame professionale si è auto-occupata o ha aperto l'attività artigianale, rispettivamente la società commerciale.

Le condizioni per la presentazione all'invito pubblico per l'attuazione della misura menzionata, si possono scaricare dal collegamento „invito pubblico“ indicato accanto la denominazione della città / del comune.

Le città coinvolte nell'attuazione della misura sono:

MISURA 9: SUSSIDI PER LA PROMOZIONE ALLE FIERE INTERNAZIONALI

La Regione Istriana stanzia i mezzi per l'attuazione della misura „Sussidi per la promozione alle fiere internazionali“,svolta dalla Camera di commercio croata – Camera regionale Pola e dalla Camera dell'artigianato della Regione Istriana.

La misura comprende il cofinanziamento della partecipazione a fiere internazionali, mostre e altre manifestazioni.

Le società commerciali interessate possono ottenere tutte le informazioni necessarie alla Camera di commercio croata – Camera regionale Pola, via  Carrara 5, 52100 Pola, Tel:052/378100; Fax:052/211-875; e-mail: hgkpu@hgk.hr.

Gli artigiani interessati possono ottenere tutte le informazioni necessarie alla Camera dell'artigianato della Regione Istriana; tel.: 052/212-993, 052/216-153; fax: 052/383-744; e-mail: ok-istre@ok-istre.hr.

La richiesta va presentata direttamente alla camera competente.

MISURA 10: MANTENIMENTO O RIDUZIONE DELL'IMPORTO DEL CONTRIBUTO COMUNALE O DELL'IMPOSTA COMUNALE NELLE UNITÀ D'AUTOGOVERNO LOCALE

Considerata la crisi e la pesante situazione nell'economia, gli imprenditori affrontano tutta una serie di difficoltà.  Per agevolare loro l'attività e il mantenimento sul mercato e prevenire l'aumento della disoccupazione, la Regione Istriana raccomanda alle unità d'autogoverno locale di mantenere o di diminuire l'importo del contributo comunale o dell'imposta comunale.

La misura è attuata dalla città / dal comune sul cui territorio è registrata l'impresa. La richiesta va presentata direttamente alla città / al comune competente.

Le condizioni per la presentazione all'invito pubblico per l'attuazione della misura menzionata, si possono scaricare dal collegamento „invito pubblico“ indicato accanto la denominazione della città / del comune.

ALTRI VANTAGGI PER GLI IMPRENDITORI – AGEVOLAZIONI IN MATERIA D'INVESTIMENTI A LIVELLO LOCALE

CITTÀ DI BUIE

Vengono in parte esonerati dal pagamento dell'imposta comunale gli imprenditori con sede nella Città di Buie (società commerciale o attività artigianale) per edifici neo costruiti o per l'ampliamento dei vani d'affari costruiti prima, come segue:

  • nel primo anno d'attività 100%,
  • nel secondo anno d'attività 50%,
  • nel terzo anno d'attività 30%.

Dal quarto anno in poi l'imposta comunale si paga per intero.

CITTÀ DI POLA

La Delibera sul contributo comunale la Città di Pola („Bollettino ufficiale“ della Città di Pola 14/09) permette di ottenere una riduzione del coefficiente della zona in quanto si costruiscono edifici destinati all'economia e alla produzione, come pure il pagamento rateale del contributo comunale fino a 12 soluzioni, rispettivamente 24 soluzioni mensili a seconda della destinazione dell'edificio, e la riduzione dell'importo del contributo comunale del 10% se il pagamento viene svolto in un'unica soluzione.

Gli investitori hanno inoltre la possibilità, al momento dell'acquisto del terreno dalla Città di Pola, di ottenere uno sconto del 5% al momento del pagamento del prezzo intero di compravendita entro un termine di 60 giorni dal giorno di stipulazione del contratto, ossia di pagare il 70% del prezzo di compravendita in 23 rate, mentre il 30% va versato in un'unica soluzione a conclusione del concorso, ossia entro un termine di 15 giorni a partire dal giorno della stipulazione del contratto.

Con la Delibera sulle imposte cittadine della Città di Pola („Bollettino ufficiale“ della Città di Pola 11/13) la Città di Pola esonera gli imprenditori, le persone fisiche e giuridiche che iniziano a svolgere l'attività nel corso dell'anno, dal pagamento dell’imposta sull’impresa o sulla denominazione per il primo anno d’esercizio, e se cessano di svolgere l'attività nel corso dell'anno, dopo aver svolto l'attività per un periodo inferiore ai 6 mesi, pagano la parte corrispondente d’imposta sull'impresa o sulla denominazione su base mensile.

CITTÀ DI PARENZO

  1. Riduzione del 10% per il pagamento in un'unica soluzione del contributo comunale (questa disposizione si applica su tutti, ossia anche sul settore economico),
  2. Esonero dal pagamento del contributo comunale per gli investitori che costruiscono sul territorio della zona imprenditoriale Buići - Žbandaj sul terreno edile acquistato dalla Città di Parenzo,
  3. Rimborso del contributo comunale pari al 40% per le strutture del gruppo hotel, tipologia hotel, nel quale sono state svolte delle opere di adattamento per elevarlo alla categoria di cinque stelle e per le costruzioni nuove di strutture ricettive appartenenti al gruppo degli hotel, tipologia hotel di tale categoria e rimborso del contributo comunale pari al 20%  per le strutture del gruppo hotel, tipologia hotel, nel quale sono state svolte delle opere di adattamento per elevarlo alla categoria di quattro stelle e per le costruzioni nuove di strutture ricettive appartenenti al gruppo degli hotel, tipologia hotel di tale categoria.
  4. Riduzione del contributo comunale pari al 30% per gli investitori che costruiscono nell'area del Piano d'assetto urbanistico "Zona di servizio Parenzo - Zona III" e per gli investitori sulle p.c. 4187 e p.c. 4190/3 del comune catastale di Parenzo, nell'area del Piano d'assetto urbanistico "Zona di servizio Parenzo - Zona II". Si può usufruire di questa misura fino al 31 dicembre 2014.
  5. I contribuenti che pagano l'imposta sull'impresa o la denominazione, fruitori dei mezzi della Città di Parenzo nell'ambito del programma Incentivazione dell'imprenditoria e dell'artigianato (programmi Parenzo 2 e Imprenditore 2) non pagano l'imposta sull'impresa o la denominazione per due anni dopo l'anno in cui hanno stipulato il contratto sull'utilizzo di questi mezzi.
  6. Gli imprenditori principianti (contribuenti che pagano l'imposta sull'impresa) che danno occupazione ad almeno un lavoratore a tempo indeterminato pagano l'imposta sull'impresa, usufruendo delle seguenti agevolazioni:
    - 100% di esonero dell'imposta sull'impresa per il primo anno di attività
    - 75% di esonero dell'imposta sull'impresa per il secondo anno di attività
    - 50% di esonero dell'imposta sull'impresa per il terzo anno di attività
  7. La riduzione del 10% dell'imposta calcolata spetta all'utente che usa la superficie pubblica – terrazza per attività alberghiera, ininterrottamente nel corso di tutto l'anno, e versa l'imposta calcolata al massimo entro il 30 gennaio dell'anno corrente.

CITTÀ DI ROVIGNO

  1. Cofinanziamento dell'imposta comunale in un'unica soluzione, dal 10% al 30% secondo il valore dell'investimento, per investire nelle zone imprenditoriali della Città di Rovigno e di Villa di Rovigno.
  2. Cofinanziamento di parte dell'imposta comunale per un periodo fino a tre anni per gli imprenditori che investono nelle zone imprenditoriali della Città di Rovigno e di Villa di Rovigno.
  3. Per il valore dell'investimento il cui importo è almeno 1.000.000,00 Kn si cofinanzia l'imposta comunale in base a un provvedimento definitivo sulla riscossione dell'imposta comunale che per il primo anno è del 100 %, nel secondo del 75 % e nel terzo del 50 % dal giorno in cui il provvedimento dell'Assessorato competente è diventato definitivo.
  4. Assistenza agli imprenditori principianti mettendo loro a disposizione un vano d'affari nell'Incubatrice imprenditoriale.
  5. Sovvenzionamento del tasso d'interesse
    La Città di Rovigno sovvenziona gli interessi sui crediti imprenditoriali per le seguenti attività:
         - attività produttive e di esportazione – 3%,
         - capacità ricettive nel turismo (per elevare la qualità della   sistemazione) – 1%,
         - investimenti nelle zone imprenditoriali e di servizio sul territorio della Città di Rovigno – 2%,
         - investimenti negli standard dell'attività (ISO, HACCP e sim.) – 2%
  6. Accordo di collaborazione con l'Associazione degli artigiani – l'accordo stabilisce la collaborazione nell'ambito dell'incentivazione dell'artigianato sul territorio della Città di Rovigno.

L'incentivazione si svolge attraverso:

  • sovvenzioni sui crediti ricevuti dall'HBOR nell'ammontare dell'1% degli interessi concordati,
  • cofinanziamento della pubblicità degli artigiani,
  • cofinanziamento dell'imposta sull'impresa,
  • cofinanziamento di corsi formativi e perfezionamento professionale, superamento degli esami sul perfezionamento professionale e di maestro nell'attività artigianale,
  • cofinanziamento degli artigiani e dei piccoli imprenditori per la realizzazione e l'implementazione dell'HACCP e di altri sistemi nelle loro strutture e attività.

CITTÀ DI ALBONA

Con la Delibera sul contributo comunale (Bollettino ufficiale della Città di Albona n. 13/10, 15/12) la Città di Albona ha diminuito del 60% l'importo del contributo comunale nella Zona d'affari Vinež  II fase, e nelle zone d'affari Ripenda Verbanci e Rogočana.

Il calcolo del contributo comunale per gli edifici nei quali si svolge l'attività produttiva, viene svolto fino ai 3,20 metri di altezza dell'edificio, mentre superata quest'altezza, l'investitore è esonerato dal pagamento.
Prezzo favorevole del terreno edile completo d’infrastruttura.

Gli allacciamenti sono stati portati fino ai confini della particella edile o nella particella stessa, così l'utente paga solo il compenso per l'allacciamento.

Accanto agli incentivi menzionati per gli investitori, la Città di Albona offre ai suoi imprenditori e artigiani anche la riduzione dell'affitto di alcuni vani d'affari nell'area della Città vecchia e in via Obala Maršala Tita a Porto Albona del 50%, la cessione gratuita del suolo pubblico nella piazza della Città vecchia per esporre e vendere prodotti in occasione delle feste, il pagamento rateale del compenso per l'uso delle aree pubbliche (bancarelle e terrazze), l'uso gratuito dei vani d'affari nell'Incubatrice imprenditoriale di Albona per gli imprenditori/artigiani principianti nel primo anno di prova. Agli imprenditori e artigiani che hanno in affitto i vani d'affari nell'Incubatrice imprenditoriale la Città copre le spese della corrente comune, dell'acqua, della rete fognaria e della manutenzione (riparazione) dei vani comuni. Organizzazione di corsi formativi gratuiti, conferenze e cofinanziamento dei corsi di formazione.