Conclusioni della Giunta (5 dicembre 2003)

1.    Viene approvato il Programma di partecipazione nel finanziamento e nell’acquisto di giovani piante da mettere a dimora ovvero il modello di  incentivazioni intensive rivolte alla creazione di nuove piantagioni pluriennali sul territorio della Regione istriana, per il periodo 2004 – 2008,  nel rispetto dei seguenti aspetti: 

  • che la piccola azienda agricola familiare ovvero l’imprenditore agricolo metta a dimora una piantagione su di una superficie minima di 2000 m2, aspetto che va comprovato dallo stesso inoltrando all’associazione agricola copia del piano catastale e del foglio di proprietà oppure  il contratto d’affittanza – concessione;
  • che nel Programma s’includano i comuni e le città della Regione istriana sul cui territorio vengono create le nuove piantagioni pluriennali e che la distribuzione delle piante da mettere a dimora avvenga attraverso le associazioni agricole locali;
  • che nei prossimi cinque (5) anni la Regione istriana partecipi nel finanziamento dell’acquisto delle giovani piante con mezzi di bilancio e più precisamente che venga a coprire  1/3 del valore delle stesse, a condizione che un ulteriore terzo (1/3) venga coperto da quei comuni e/o da quelle città il cui reddito medio pro capite sia identico o maggiore alla media regionale. Il rimanente 1/3 del prezzo delle giovani piante viene coperto dall’agricoltore stesso, attraverso l’asociazione agricola;
  • che la Regione istriana partecipi nel finanziamento del 50% del costo delle giovani piantine nei prossimi cinque (5) anni con i propri mezzi di Bilancio, nel caso in cui il reddito pro capite di un comune risulti minore di quello medio regionale, a condizione che nella copertura del rimanente 50% del costo partecipino il comune e il contadino, per mezzo dell’associazione agricola locale.  

2.   Viene incaricato l’Assessorato all’agricoltura, l’economia forestale, la caccia, la pesca e l’economia idrica a comunicare ai comuni, le città e le associazioni agricole locali regionali, entro il termine di 15 giorni, i dettagli del MODELLO DI INCENTIVAZIONI INTENSIVE, allo scopo di elaborare piani di qualità per la creazione di piantagioni pluriennali e di garantire in tempo utile  i mezzi di bilancio cittadino e comunale necessari sia nel 2004 che in tutti gli anni di durata del Programma.  

3.   L’organizzazione e il coordinamento della produzione delle giovani piante di cultivar autoctone necessarie per  l’attuazione del Programma d’incentivazione intensiva di piantagioni pluriennali nella Regione istriana, vengono affidati alla  AZRRI S.r.l. di Pisino. 

4. Vengono incaricati i Comitati di vigilanza e i Consigli d’Amministrazione della AZRRI S.r.l.  Pisino e della  MIH S.r.l.  Parenzo di inoltrare la proposta definitiva di incorporazione delle due società alla Giunta della Regione istriana, entro il 31.12.2003. La suddetta integrazione deve avvenire in maniera tale che la società AZRRI S.r.l. acquisisca tutti i diritti e gli obblighi della MIH S.r.l., conformemente alla strategia di sviluppo rurale della RC proposta dalla FAO dell’ONU e dal Ministero all’agricoltura e l’economia forestale della RC – Zagabria, novembre 2003.