Ai sensi dell'articolo 59 dello Statuto della Regione istriana (Bollettino ufficiale della Regione istriana n. 2/01 e 12/01), degli articoli 3 e 15 della Legge sull'agricoltura (Gazzetta ufficiale 66/01), dell'articolo 3 della Legge sui terreni agricoli (Gazzetta ufficiale 66/01), dell'articolo 15 della Legge sulla produzione ecologica dei prodotti agricoli e alimentari (Gazzetta ufficiale 12/01), degli articoli 30 e 57 della Legge sugli alimenti, e degli articoli 17, 99, 100 e 102 della Legge sulla tutela del consumatore (Gazzetta ufficiale 96/03), la Giunta della Regione istriana alla seduta tenutasi il 14 ottobre 2003 ha emanato la seguente

DELIBERA 

1. Per tutelare l'ambiente, in particolar modo quello agricolo, si vieta l'uso delle sementi ricavate da organismi geneticamente modificati e dalle loro parti componenti, come pure la produzione di alimenti geneticamente modificati sul territorio della Regione istriana. 

2. Il compito di realizzare il punto 1 della presente Delibera, finalizzata a tutelare il consumatore, viene assegnato all'Assessorato all'agricoltura, l'economia forestale, la caccia e l'economia idrica della Regione istriana, che in collaborazione con gli altri Assessorati competenti della Regione istriana, le istituzioni pertinenti della Repubblica di Croazia, e le istituzioni scientifiche rilevanti, proporrà alla Giunta della Regione istriana, entro 30 giorni, l'istituzione del Consiglio per l'impedimento dell'uso degli OGM sulle superfici agricole della Regione istriana. 

3. I mezzi per l'attuazione della presente Delibera verranno stanziati nel Bilancio della Regione istriana. 

Classe: 320-01/03-01/07
N.prot: 2163/1-01/8-03-2
Pola, 14 ottobre 2003 

REPUBBLICA DI CROAZIA
REGIONE ISTRIANA
GIUNTA REGIONALE

Il presidente della Regione
Ivan Jakovčić 


MOTIVAZIONE 

I BASE GIURIDICA 

La base giuridica per l'emanazione di questo atto sta nell'articolo 59 dello Statuto della Regione istriana (Bollettino ufficiale 2/01 e 12/01), negli articoli 3 e 15 della Legge sull'agricoltura (Gazzetta ufficiale 66/01), nell'articolo 3 della Legge sui terreni agricoli (Gazzetta ufficiale 66/01), nell'articolo 15 della Legge sulla produzione ecologica dei prodotti agricoli e alimentari (Gazzetta ufficiale 12/01), negli articoli 30 e 57 della Legge sugli alimenti, e negli articoli 17, 99, 100 e 102 della Legge sulla tutela del consumatore (Gazzetta ufficiale 96/03). 

II QUESTIONI BASILARI CHE VENGONO RISOLTE COL PRESENTE ATTO E CONSEGUENZE CHE SI MANIFESTERANNO CON L'EMANAZIONE DELLO STESSO 

Lo sviluppo sostenibile è un interesse e un obiettivo strategico della Regione istriana, definito, fra l'altro, anche con il Piano territoriale della Regione istriana. Per questo motivo, è d'importanza primaria intraprendere delle misure di prevenzione che tuteleranno la salute delle persone e permetteranno uno sviluppo armonico di tutte le attività economiche, tenendo conto della salvaguardia del naturale ecosistema. 

Un'importanza particolare, in questa problematica, viene ricoperta dalla produzione di alimenti e dall'influsso della stessa sulla salute delle persone. 

Bisogna sottolineare che l'agricoltura si trova, ogni giorno di più, ad essere sempre più condizionata dall'ingegneria bio-tecnologica moderna che, oltre ad avere degli effetti positivi, ne presenta anche di negativi. Ci riferiamo particolarmente ai pericoli che si possono manifestare con l'introduzione degli organismi geneticamente modificati e delle loro parti nella produzione alimentare.

Oltre alla lentezza nell'emanazione della legislazione riguardo a questa problematica, non sono chiaramente definite le competenze e le responsabilità. Il risultato di ciò, infine, è un traffico incontrollato di OGM sul nostro territorio. 

III MEZZI FINANZIARI NECESSARI PER L'ATTUAZIONE DEL PRESENTE ATTO 

I mezzi per il lavoro del Consiglio e l'attuazione della Delibera verranno stanziati interamente nel Bilancio della Regione istriana. 

IV TESTO DEL DISEGNO DELL'ATTO

La presente Delibera è parte integrante di questo atto. 

L'assessore
Milan Antolović